lunedì 17 dicembre 2012

Recensione Never Sky di Veronica Rossi

Titolo: Never Sky sotto un cielo selvaggio
Autore: Veronica Rossi
Casa editrice: Sonzogno
Prezzo: 17,00  € versione rilegata, 9,99 € ebook
Edizione: Ebook
Pagine: 350
Trama:
 Lo chiamano Never Sky, è un cielo violento, pervaso dall'Etere, sostanza che causa tempeste continue, morte, distruzione. La vita sicura è possibile solo dentro l'enclave Reverie, un mondo barricato, una biosfera ipertecnologica dove ogni pericolo, persino malattie e invecchiamento, sembra appartenere a un lontano passato. Fuori invece, nel dominio dell'Etere, non è dato avventurarsi, nessun abitante di Reverie oserebbe mai, perché la Fucina della Morte è una terra brutale e desolata, infestata da individui assetati di sangue. La bella e giovane Aria vive a Reverie: qui lei e i suoi amici possono scegliere di abitare infiniti mondi virtuali, come in un videogioco. Anche lei, al pari di tutti, teme l'ignoto oltre il confine del proprio Eden. E quando verrà ingiustamente cacciata dalla sua società di eletti, si ritroverà sola e disperata nella Fucina della Morte. È come essersi risvegliata all'improvviso in un corpo che non riconosce, in balìa di un mondo popolato dai discendenti reietti dell'umanità che, dopo la Grande Catastrofe, non hanno trovato rifugio a Reverie. Solo quando il suo sguardo incrocia quello selvaggio di Perry, un giovane Outsider ribelle, Aria comincia a intuire: quel luogo forse contiene la vita che non ha mai vissuto, le sensazioni che le erano negate nell'universo asettico in cui era cresciuta. Ma è anche la morte vera a minacciarla da ogni dove. Presto lei e Perry, opposti in ogni cosa, scopriranno di custodire l'uno la chiave per la redenzione dell'altro.     

La mia recensione       
Avevo iniziato questo libro con l'intenzione di finirlo in due giorni per riuscire a fare questa recensione prima della fine di una challenge a cui partecipo e,in effetti, sono riuscita a leggerlo nel tempo prestabilito,ma non avrei mai immaginato cosa potesse nascondersi al suo interno.
Settimana scorsa avevo letto già qualche pagina e mi aveva molto incuriosita, motivo per cui è stato il mio prescelto.
Ci sarebbe molto da dire su questo libro e sinceramente non so cosa scriverò, cercherò di mettere tutto qui dentro e di riuscirci prima che le emozioni provocate da questo libro mi abbandonino totalmente.
Aria e Peregrine vivono in un mondo pericoloso e pieno di minaccie. Lei si trova a Reverie,una delle biosfere che permettono una vita migliore ai suoi abitanti, e con dei suoi amici sta cercando di entrare nell' AGRO 6, una cupola che è andata parzialmente distrutta durante una tempesta di Etere,sostanza perennemente presente nell'aria che provoca terribili disastri.
E' lì per cercare di estorcere informazioni ad un ragazzo della sua età,Soren, circa sua madre,ma presto la situazione degenera e sopravvive solo grazie all'aiuto di Peregrine,un ragazzo che vive all'esterno.
Dopo essere stata cacciata dalla Biosfera si trova da sola in un mondo che non conosce senza il suo Iride,una specie di lente a contatto che serve ad entrare in mondi virtuali dove Aria sta la maggior parte del tempo.
Peregrine è un' Outsider,vive all'esterno delle Biosfere in una tribù dove suo fratello è Signore di Sangue,cioè capo.In costante conflitto col fratello,si reca nella Biosfera di Reverie per trovare medicine per il nipote,Talon,ma dopo aver salvato Aria torna a casa senza niente, a parte una mela e l'Iride della ragazza.
Quando Talon viene rapito dal popolo di Aria parte per trovare un modo per riportarlo a casa.
Peregrine ed Aria si incontrano e partono per raggiungere un amico del ragazzo che può aggiustare l'Iride di Aria.
La storia è veramente bellissima ed interessante,a partire dal fatto che mi piacciono i libri che parlano di viaggi svolti dai protagonisti,fino ad arrivare al fatto che all'ultima pagina ero ancora con il fiato sospeso e il batticuore.
Da cosa comincio? Dall'inizio!
Il primo capitolo è stato fantastico e già da lì ho capito che libro sarebbe stato.Mi ha attratta,affascinata, fatta innamorare dalla prima pagina.
I primi capitoli mi hanno messo addosso un tale senso di ingiustizia che mi stava per venire da piangere,ma dal punto in cui i due si incontrano le cose vanno un  po' meglio.
Inizialmente Perry ed Aria si odiano,lei lo chiama Selvaggio e lui la chiama Talpa,ed è bello vedere lo sviluppo del loro rapporto.
Ho trovato partilicolarissimi i paesaggi, il paesaggio con l'Etere nella mia immaginazine è bellissimo e molto futuristico,a Delphi mi sembrava di essere nel Medioevo e nella parte dove Aria è dentro la Biosfera immaginavo tutto bianco e sterile.
Non è detto quasi niente sull' Unione, un periodo storico di passaggio tra il nostro e il loro,ma comunque non da' per niente fastidio alla narrazione.
Anche i personaggi secondari sono molto belli e particolareggiati,si riesce ad entrare nella loro mentalità,ma i protagonisti fanno faville,sono come i primi ballerini più bravi del mondo,li ami da subito e,stranamente,riesci ad entrare nella mentalità di tutti e due.
Le uniche critiche che ho da fare sono che all'inizio del libro Aria a volte se la prende con Perry senza motivo,anche se lui ha appena fatto una cosa bella per lei e lei lo ha riconosciuto e che non si riesce a soffrire per la morte di un personaggio non ben approfondito.
E' stato un libro bellissimo,sorprendente ed emozionante, lo rileggerei altre mille volte,ma mancava una piccola cosa,non so cosa,è solo una sensazione,ma non mi fa dare cinque stelle a questo libro.
Comunque il voto è alto ed'è di
@@@@ stelle!!

P.S. Probabilmente questa recensione risulterà un po' confusionaria,se così fosse,scusatemi.                                                                    

8 commenti:

  1. complimenti bianca, la recensione e' ottima

    RispondiElimina
  2. Concordo con tutto ciò che hai scritto ^_^ In effetti, manca qualcosa, ma non riesco a capire "cosa"...però, il romanzo è ugualmente bellissimo :D

    RispondiElimina
  3. Io l'ho adorato ma...ho una cotta per Perry,sono di parte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si,anche a me piace molto anche se non ho una cotta per lui( io amo Patch Cipriano della saga del Bacio dell'angelo caduto...).

      Elimina
  4. Bellissima recensione!! :D Il genere distopico è uno dei miei preferiti quindi devo assolutamente leggere questo libro! :D
    A presto!
    PS: Anch'io ho un blog che parla di libri! :D Ti lascio il link: http://libri-ehr.blogspot.it/

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...